La nostra storia
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
1963
La nascita della società

Le origini di Geico nascono dall’iniziativa imprenditoriale dei suoi fondatori: Giuseppe (Pippo) Neri e Giancarlo Mandelli da cui prende il nome la Neri & Mandelli.

1965
Partnership con Carrier Drysys e Haden

Poco dopo la fondazione vengono strette le prime importantissime partnership. Nel 1965 il 70% delle quote viene acquisito dal gruppo Carrier Drysys, specializzato nella produzione di impianti per la verniciatura di scocche auto, e la società viene rinominata Drysys Equipement Italiana.  All’inizio degli anni ‘70, in seguito alla crisi finanziaria di Drysys le quote passano alla società inglese Haden, quotata in borsa e colosso internazionale del settore.

1976
La famiglia Neri riacquisisce il 51% della società

La crisi petrolifera e il clima politico teso degli anni ’70 portano la Haden a vendere le proprie quote a Pippo Neri, che nel 1976 fonda la Gecofin S.p.A. e acquisisce il 100% della Drysys Equipement Italiana cambiandone la denominazione sociale in Geico spa.

1994
Arabnia e la moglie Laura assumono la guida

Il 4 febbraio del 1994 muore Pippo Neri. Arabnia e sua moglie Laura decidono di comprare tutte le quote degli eredi e con un’operazione di management buy-out acquisiscono il controllo di Gecofin.

1997
Geico entra a far parte del gruppo Fiat-Comau

Per soddisfare le richieste dall’industria automotive, Geico entra a far parte di Comau, azienda del gruppo Fiat specializzata nell’automazione industriale.

2005
La famiglia Arabnia acquisisce Geico

Gecofin rileva il 100% delle azioni di Geico dal Gruppo Fiat e Ali Reza Arabnia diventa Presidente e CEO della società.

Arabnia avvia una revisione dei processi interni per migliorare l’efficienza aziendale e organizza il primo Innovation Day: una giornata in cui l’impresa presenta a banche, fornitori e stakeholders la strategia e gli investimenti futuri. Parallelamente dà inizio a una rivoluzione culturale basata sui valori di responsabilità, fiducia e accoglienza, e sulla centralità della persona investendo sullo sviluppo umano e professionale. In soli 5 anni queste azioni riescono a far diventare Geico uno dei leader mondiali di settore.

2005
Nasce il Pardis Project

La nuova strategia aziendale viene sintetizzata in una sfida molto ambiziosa dando avvio al Pardis Project: realizzare il primo impianto di verniciatura autosufficiente dal punto di vista energetico con una riduzione dei consumi del 70%. L’obiettivo fissato per l’Energy Independence Day, il 16 giugno 2020, viene raggiunto nel 2017 con 3 anni di anticipo.

2006
Nasce allGeicoproject. Geico rileva i brevetti Haden

Geico crea una rete internazionale denominata allGeicoproject e nel 2008 rileva la proprietà intellettuale e i brevetti di Haden Drysys.

Queste operazioni consolidano l’azienda come leader mondiale, chiudendo l’anno con un record di ordini.

2009
Geico inaugura il primo centro R&D Pardis Innovation Centre

Durante la congiuntura economica mondiale sfavorevole, Arabnia decide di puntare tutto su innovazione e sviluppo delle sue risorse, in modo da rendere la società competitiva e spiazzare i suoi competitor alla ripresa del mercato.

È così che nasce il primo centro di ricerca e sviluppo di Geico, il suo fiore all’occhiello, chiamato Pardis Innovation Centre.

2011
Nasce l’alleanza Geico Taikisha

Nel 2011 viene siglata l’alleanza con Taikisha, colosso giapponese del settore. Il 49% delle azioni rimane in possesso di Gecofin, che può così affiancare alle proprie tecnologie all’avanguardia e al know-how specializzato, una solida struttura finanziaria e la capillarità delle sedi del Gruppo nel mondo.

2013
Geico Taikisha inaugura il nuovo Headquarters e il nuovo Pardis Innovation Centre

In occasione del 50° anniversario della nascita di Geico, viene inaugurata la nuova sede a Cinisello Balsamo con ampi spazi dedicati all’innovazione sia tecnologica che culturale.

3.600 m2 ospitano il nuovo Pardis Innovation Centre, grande quasi il doppio rispetto al precedente, che diventa il più importante centro di ricerca e sviluppo al mondo nel settore della verniciatura delle scocche. Con numerosi riconoscimenti a livello nazionale e internazionale, è la massima espressione dell’approccio innovativo di Geico Taikisha e punta sull’impiego di fonti rinnovabili.

2013
Inaugurazione del Giardino dei Pensieri di Laura

Nella nuova sede, Gecofin inaugura per Geico Taikisha e per i suoi dipendenti il Giardino dei Pensieri di Laura: il luogo ideale dove trovare il giusto benessere psico-fisico.

Uno spazio di 2000 mq, pensato per sviluppare il lato destro del cervello, quello legato alla creatività, alle emozioni e ai sentimenti.

2014
Nasce la Fondazione Pardis

La famiglia Arabnia, da sempre interessata al bene comune, istituisce la Fondazione Pardis per continuare a sostenere il territorio in seguito al successo e ai risultati del progetto J-Next lanciato nel 2011 da Geico per combattere la disoccupazione giovanile. La Fondazione propone progetti innovativi senza scopo di lucro, volti a inserire i giovani, e non, nel contesto socio-economico.

2017
Il 1° impianto a impatto zero

Durante la VII edizione dell’Innovation Day di Geico Taikisha, viene celebrato con 3 anni di anticipo il raggiungimento dell’obiettivo dell’Energy Independence Day, previsto per il 2020. Geico Taikisha è la prima azienda al mondo a offrire un impianto di verniciatura a zero impatto ambientale.

2017
Raggiungimento del traguardo culturale

Grazie ai progetti J-Next di Geico e Gate Bridge di Fondazione Pardis, è stato raggiunto e superato il traguardo di 100 giovani laureati inseriti nel mondo del lavoro.

2017
Nasce lo Smart Paintshop

Lo spirito innovativo innato di Geico Taikisha, porta alla nascita dello Smart Paintshop: il progetto 4.0. che rivoluziona gli impianti di verniciatura auto.

Il progetto è stato premiato con l’Innovation Award di SurCar Cannes come migliore ricerca e innovazione al mondo.

2020
Daryush Arabnia Nuovo Chairman, President & CEO del Gruppo Geico Taikisha

Ali Reza Arabnia passa il testimone al figlio Daryush che a 36 anni prende le redini del Gruppo.
In linea con la filosofia imprenditoriale del padre, il nuovo presidente continuerà sulla strada dell’innovazione con un’attenzione particolare ai giovani per affrontare le sfide del futuro di un settore fortemente competitivo e avanguardistico.

About us