Forni e raffreddatori
> Impianto di verniciatura > Forni e raffreddatori >

SLIDE14

Assolutamente riconoscibile per il suo design innovativo, Giotto è il forno che Geico ha studiato con una forma circolare e non rettangolare o quadrata come invece è consuetudine. La forma innovativa del forno consente di ottimizzare le operazioni di montaggio sia di sfruttare le superfici laterali curve come elementi funzionali del forno che contribuiscono a distribuire meglio l’aria calda al suo interno e sulla scocca.

La forma circolare è semplice e permette di eseguire facilmente le operazioni di pulizia mentre la minor superficie disperdente rispetto alle classiche sezioni dei forni consente di ridurre le dispersioni termiche e quindi di ridurre il consumo energetico degli impianti.

SLIDE11

Dryflex è il nuovo concetto di forno che integra l’elevata efficacia di trasmissione di calore dei pannelli catalitici alla tradizionale trasmissione di calore per convenzione per ottimizzare la cottura e l’uniformità della temperatura sulla scocca.

Dryflex è infatti in grado di ridurre i consumi energetici e la lunghezza dei forni attraverso il suo sistema di cottura a infrarossi con pannelli catalitici a gas grazie ai quali, essendo posti nella prima zona del forno, possono trasmettere in maniera efficiente un’elevata energia alla scocca diminuendo il tempo di attraversamento e quindi la lunghezza complessiva del forno.

Con questa soluzione, che sfrutta l’emissione di energia nello spettro di emissione dell’infrarosso, è possibile ridurre i tempi di salita in temperatura di oltre il 15%.

Dryflex è infatti una soluzione che abbatte notevolmente i consumi energetici grazie a una minore inerzia termica iniziale del forno, una minore dispersione dovuta a una minore superficie di scambio e una maggiore efficienza nel trasferimento del calore.

Inoltre la quantità minore d’aria nella zona iniziale del forno riduce la possibilità che eventuali particelle di sporco si depositino sulla superficie verniciata non ancora asciutta.

SLIDE12

È nelle zone ritocco ad alta produzione che è particolarmente indicato Speedry, ovvero il sistema di cottura a infrarossi con pannelli catalitici a gas., un sistema semplice e modulare a ridotto consumo energetico dovuto alla rapidità di essicazione e all’alta efficienza di trasmissione dell’energia..

Tanti sono infatti i plus che è in grado di offrire, in primis, però, la capacità di ridurre i tempi di cottura e i consumi, e di limitare i tempi di avviamento dell’impianto grazie alla possibilità di intervenire solo nelle parti interessate dal ritocco.

Su una struttura indipendente, alcuni pannelli catalitici che emettono energia nello spettro dell’infrarosso possono seguire il profilo della scocca e procedere alla cottura di piccole e medie superfici verniciate.

slide1

Il forno ELENE (ELastic ENergy Ecology) è un forno di cottura in grado di adattare la propria lunghezza funzionante in relazione alla produzione richiesta che risente inevitabilmente delle richieste del mercato; può quindi accadere che gli impianti siano accesi per la capacità produttiva di progetto ma producano un minor numero di scocche.

La soluzione del Forno E3 permette di adeguare la ventilazione del forno e il suo funzionamento alla lunghezza realmente necessaria per la produzione in atto.

Passando dalla produzione di progetto a una minore, il numero di gruppi di riscaldamento funzionanti e il loro set-point vengono modificati in modo da far funzionare solo le macchine necessarie per la cottura delle scocche realmente processate, consentendo quindi un significativo risparmio energetico.

Questa soluzione impiantistica diventa molto interessante se abbinata alla soluzione della cabina ELENE.

 

slide7

Uno degli assi su cui si basa Geico è il rispetto per l’ambiente: proprio in quest’ottica ha messo a studiato e realizzato gli inceneritori termici integrati nei forni (ITO), che riescono ad abbattere il valore di VOC presente nei fumi espulsi.

 

L’applicazione avviene su singolo forno dell’incenerimento di VOC, con recupero del calore prodotto dall’incenerimento per il riscaldamento del forno stesso; il sistema può essere integrato con il recupero dell’energia in eccesso per la riduzione dei consumi dei vettori energetici tradizionali (come, ad esempio, l’acqua calda).

slide16

Particolarmente adatto per grandi volumi e basse concentrazioni, RTO (che è l’acronimo di Regenerative Thermal Oxidizer) è un sistema di incenerimento adatto per grandi volumi e basse concentrazioni, realizzato mediante soluzioni centralizzate, normalmente integrate con un post-recupero di calore per la riduzione dei consumi dei vettori energetici tradizionali (come, ad esempio, l’acqua calda).

slide126

Recuperare energia in eccesso e quindi ridurre i consumi sui vettori energetici tradizionali è uno degli obiettivi che si pone Geico alla luce della forte attenzione ambientale che da sempre la caratterizza.

 

Per far questo ha individuato diverse soluzioni, utilizzando circuiti con scambiatori aria/acqua per il recupero del calore presente nei fumi di espulsione.

 

Il sistema può essere inserito in qualsiasi condotto che trasporti fumi in temperatura; in particolare può essere utilizzato come ultimo punto di recupero del calore nel camino di un inceneritore termico (RTO o ITO).

SLIDE111

La movimentazione delle scocche è una delle operazioni più importanti e nello stesso tempo più delicate all’interno dei forni; proprio per questo motivo Geico ha studiato dei sistemi ad hoc che si adattano con facilità e flessibilità alle esigenze specifiche.

Tra questi, va sicuramente segnalato il convogliatore a tavole, che può essere considerato un derivato dei sistemi di trasporto a skid modulari (sequenza di tavole) usati in genere per il collegamento delle diverse aree di un paintshop. Tra i suoi vantaggi si evidenziano la flessibilità nel moto, la modularità, la manutenibilità e la semplicità di installazione meccanica.

Le elevate temperature e quindi l’ambiente in cui si collocano le tavole richiedono protezioni e accorgimenti speciali per la componentistica sia meccanica sia elettrica (in genere le tavole hanno il motore posizionato esternamente al forno).

chain_slide1300

È un sistema di trasporto che permette di movimentare le scocche all’interno dei forni in linea. È un sistema semplice e collaudato, affidabile e di facile manutenzione.

Questo convogliatore è sostanzialmente una doppia catena su cui le scocche su skid vengono appoggiate a un passo normalmente fisso o variabile, che avanza ad una velocità fissa.

Geico è in grado di fornire varie tipologie di questo convogliatore che si differenziano a seconda della  lunghezza del forno (catena a singolo o doppio rullo) e della lubrificazione (catena autolubrificata o lubrificata con sofisticati sistemi di lubrificazione a minimo rilascio).

Geico è in grado anche di realizzare tipologie di convogliatori a catena con movimento discontinuo (stop & go) per forni a camere.

slide122

Si tratta di un nuovo concetto di convogliatore in cui è stato completamente ripensato e ingegnerizzato lo skid usato per trasportare la scocca nei differenti processi di verniciatura: esso è infatti stato minimizzato e sostituito da punti di appoggio o traverse opportunamente studiate.

Questa soluzione riduce eventuali travasi e garantisce un minor inquinamento dei bagni nei processi di immersione. Inoltre la ridotta superfice dello skid a sua volta diminuisce la quantità di vernice o sporco che su di esso può depositarsi con effetti positivi sul processo di verniciatura.

  1. Anche il processo di cottura nei forni beneficia delle caratteristiche del convogliatore Skidless poiché la minor massa metallica che entra nei forni riduce il consumo energetico.

slide123

È un sistema di trasporto che permette di movimentare le scocche all’interno dei forni Canopy e con curve interne: Geico possiede una grande esperienza in questo ambito di convogliatori che rappresentano la continuità rispetto a modelli realizzati da Haden.

Si tratta di convogliatori a catena singola centrale che viaggiano in una via di corsa inferiore cui sono agganciati dei “perni” ai quali vengono “agganciati” e “sganciati” gli skid che sostengono le scocche.

Questa tipologia di convogliatore è in grado di trainare carichi molto elevati e di compiere le curve verticali e orizzontali tipiche dei forni Canopy. È un sistema semplice e collaudato, affidabile e di facile manutenzione.